Parte V – Luisa De Martino, Nereo Francesconi e Filippo Fordellone

Luisa De Martini, un'italiana emigrata negli Stati Uniti d'America, giunse a San Giovanni Rotondo da oltreoceano nel 1948, attratta dalla fama del Padre.I lavori dell'ospedale erano appena iniziati.Affascinata anche lei dal sogno di Padre Pio, se ne tornò in America con la ferma idea di aiutarlo a completare l'opera. Questo proposito le trasformò radicalmente la vita.Era una donna semplice, umile, riservata, restia ad apparire, ma tenace.Bussò prima alla porta dei suoi conoscenti, illustrando loro i progetti di un umile figlio di San Francesco in un paese sperduto della Patria … [Per saperne di più...]

Parte VI – Il fondo "Mario Gambino"

Nel mese di novembre 1948 la vedova di Fiorello La Gardia parlò per radio a favore del nascente ospedale «Fiorello La Guardia» di San Giovanni Rotondo.Tra gli ascoltatori c'era il sessantacinquenne Mario Gambino, inserviente addetto alle pulizie della fornace dell'impianto di riscaldamento dell'Unter College di New York.Non sapendo come fare arrivare un'offerta, avvicinò il Prof. Vittorio Ceroni, direttore del College, e gli disse: «Professore, ha sentito il discorso della Signora La Guardia alla Radio? Io voglio mandare a quell'ospedale cinque dollari per i miei fratelli che soffrono … [Per saperne di più...]

Perchè Padre Pio a S. Giovanni Rotondo?

I fedeli che giungono a San Giovanni Rotondo spesso si chiedono come mai la Divina Provvidenza abbia destinato Padre Pio in un paese sperduto del Gargano e gli abbia fatto trascorrere lì, quasi ininterrotta­mente, i restanti cinquantadue anni di vita, «quasi piantato ai piedi di una Croce».Il frate santo rivelò in una lettera che fu Gesù a costringerlo a chiedere al padre provinciale, in un momento di particolare sfinimento fisico, di inviarlo proprio a San Giovanni Rotondo, dove lo stesso Gesù gli aveva assicurato che si sarebbe trovato meglio.Padre Pio accenna anche ad altre ragioni, … [Per saperne di più...]